Tempo di lettura: 6 minuti
Il chakra della gola è l’ultimo dei chakra che elaborano la materia fisica: da Vishuddha ci prepariamo a salire la scala della consapevolezza per spostarci nei chakra dedicati allo spirito.
Questo chakra segna, infatti, il passaggio dal non manifestato al manifestato.

Abbiamo redatto queste mini guide per agevolare anche l’utilizzo di Epicard: una delle sue funzioni è, infatti, permettere all’energia vitale di riprendere a scorrere correttamente nel tuo sistema energetico sottile e di conseguenza nei tuoi apparati psicofisici.

Ricorda che i chakra sono dei trasduttori delle frequenze sottili dell’energia cosmica (Chi) e hanno la funzione di mettere in collegamento il Chi con gli organi del corpo e con i meridiani di agopuntura.

Il primo chakra ci offre le fondamenta nel mondo fisico; il secondo chakra ci incoraggia a sviluppare la nostra unicità come persone, la nostra capacità di creare e nutrire e il nostro desiderio di amore e dolcezza. Il terzo chakra ci fornisce le chiavi per trovare un equilibrio e decidere il modo in cui vogliamo realizzare la nostra missione, mentre il quarto chakra, dedito all’amore a alla compassione, ci permette di divenire veramente amorevoli sia verso noi stessi sia verso gli altri.

PREMESSA

Nel libro Biofotoni e Autoguarigione, l’ing. Maurizio Stefani e il dott. Francesco Oliviero presentavano il dispositivo NAMASTE, creato sulla base della teoria dei biofotoni di Popp. Con il dispositivo NAMASTE sono stati realizzati anche dei rimedi per armonizzare i Chakra.
I rimedi hanno preso il nome di Chakra Sense. Sono nove, uno per ogni singolo chakra più due armonizzatori.
I Chakra Sense possono essere prescritti dopo l’esecuzione di un test kinesiologico quantistico, di un test mediante apparecchiature bioelettroniche (EAV, Mora, Vega ecc.) o in base a una minima conoscenza della diagnostica dei chakra di cui si fa cenno di seguito.

Riportiamo in questa breve guida al quinto chakra anche la composizione del Chakra Sense 5, riferito proprio al chakra della gola, Vishuddha.

I Chakra Sense si trovano presso tutte le farmacie nazionali, previa richiesta, oppure online su bioregenera.com.

È in corso di pubblicazione un nuovo libro, il Manuale dell’Episcienza, che racchiude l’esperienza di Biofotoni e Autoguarigione, approfondita secondo le ricerche sviluppate negli ultimi anni dall’ing. Stefani e dal dott. Oliviero.

Cos’è il Chakra Vishuddha?

Il chakra Vishuddha rappresenta la capacità di esprimere la propria essenza nell’ambiente in cui si vive, oltre alla possibilità di comunicazione verbale e non verbale.
Situato a livello della gola e collegato alla ghiandola tiroidea, è il centro della capacità umana di esprimersi e di comunicare attraverso la parola, ma anche attraverso gesti e forme creative (musica, danza, arti visive, recitazione).

Significato del nome

Vishuddha significa “puro” o “loto della gola”.
È conosciuto anche con i nomi di Kanth Padma (kanth significa “gola” mentre padma vuol dire “loto”) e Shodash Dala, “a sedici petali” (shodash sta per “sedici” e dala significa “petali”).

Le sfere di influenza del 5° Chakra

Il Chakra Vishuddha è connesso alle vertebre cervicali, agli organi dell’apparato respiratorio, alle orecchie e alle espressioni del viso. È attraverso il chakra della gola che esprimiamo tutto ciò che è vivo in noi: il nostro ridere, il nostro piangere, le emozioni, i desideri, le idee, la conoscenza e la percezione della nostra interiorità.
Il quinto chakra è collegato all’udito perché è a questo livello che le orecchie ascoltano la nostra voce interiore e, quindi, entriamo in contatto con il nostro spirito.
Sviluppiamo, inoltre, una fiducia incrollabile nella nostra guida interiore, diventando consapevoli del compito che siamo chiamati a svolgere nella vita, il nostro dharma.

Vishuddha è il mezzo con il quale comunicare al mondo il proprio punto di vista: si tratta di dar voce, o musica e suono, al nostro nucleo più intimo, per poter sentire a nostra volta cosa ci risponde il mondo.

Le conseguenze e gli effetti 

Se il chakra della gola funziona in modo armonico siamo in grado di esprimere liberamente e senza remore sentimenti, pensieri e la nostra conoscenza interiore, conservando l’indipendenza, la libertà e l’autodeterminazione. La stessa postura eretta esprime l’onestà interiore verso noi stessi e verso gli altri.

Se questo chakra è bloccato, viene influenzato il livello di comunicazione tra la mente e il corpo. Ciò può verificarsi in due modi:

  • non riusciamo a riflettere sulle nostre emozioni che vengono espresse in modo inadeguato;
  • siamo chiusi nel nostro mondo mentale, razionale, negando alle emozioni il diritto di esistere.

I blocchi al chakra della gola si esprimono con rabbia, logorrea, paura, pianto o dolore, depressione, imbarazzo, timidezza, insicurezza, indecisione. Provocano anche sensazioni di blocco della respirazione, nodo alla gola, congestione e gonfiore.
Possono verificarsi anche tensioni alla nuca, rigidità al collo e alle spalle.
La postura con spalle sollevate e collo tirato indietro è sintomo di squilibrio del chakra: è un atteggiamento difensivo, come a doversi proteggersi da ulteriori carichi o da aggressioni.

Il simbolo

Dal punto di vista simbolico, il quinto chakra appare come un triangolo rovesciato all’interno di un cerchio.
Il fiore di loto ha sedici petali (sono sedici le vocali dell’alfabeto sanscrito), di colore blu-violetto.
Il chakra è governato dalla sostanza eterica, il più sottile degli elementi.
La sillaba che si trova all’interno del triangolo rappresenta il mantra; in questo caso il mantra, la vibrazione, è ham. Ham dà energia e armonia alla gola.

Le caratteristiche del 5° chakra

  • Colore: azzurro
  • Elemento associato: etere
  • Senso: udito
  • Tipo di energia: vibrazionale
  • Parole e frasi chiave: Io creo, Io parlo, Io comunico
  • Principio basilare: la risonanza dell’essere, autoespressione
  • Simbolo: fiore di loto a 16 petali
  • Parti del corpo collegate: gola, collo, mascella, orecchie, voce, trachea, bronchi, parte superiore dei polmoni, esofago, braccia
  • Ghiandole associate: tiroide, paratiroidi.

La personalità Vishuddha

Riportiamo una sintesi delle tipologie umane basate sui chakra indù, descritte da Cyndi Dale nel suo manuale Il corpo sottile, la grande enciclopedia dell’anatomia energetica (Bis Edizioni).

Gli individui tendono a trarre energia più da un chakra specifico che da tutti gli altri. Abbiamo anche la tendenza a “dimorare” in un determinato chakra mentre saliamo la scala della kundalini. Le descrizioni delle varie personalità sono basate sulle riflessioni di Harish Johari, rinomato esperto di spiritualità orientale e autore di molti libri sui chakra indiani e tantrici.

La personalità VISHUDDHA

Il chakra Vishuddha attira la rinascita. Man mano che saliamo attraverso i chakra, accettiamo – e impariamo a padroneggiare – ognuno degli elementi più grossolani. Ora possiamo entrare nel piano eterico.
Coloro che vivono a questo livello sono considerati dei sognatori, amanti della musica, ispirati e colti. Ciò che fluisce attraverso il quinto chakra è il suono in tutte le sue varianti. In questo spazio si può vivere in due modi. Possiamo diventare distratti e irresponsabili, reticenti e isolati nel nostro sapere, oppure possiamo ricercare la verità e condividerla con gli altri.

Chakra Sense 5

Come riportato nella premessa, l’ing. Stefani e il dott. Oliviero hanno predisposto dei rimedi per l’armonizzazione dei Chakra, studiati sulla base del dispositivo NAMASTE (Biofotoni e Autoguarigione).
I rimedi hanno preso il nome di Chakra Sense. Sono nove, uno per ogni singolo chakra, più due armonizzatori.
I Chakra Sense possono essere prescritti dopo l’esecuzione di un test kinesiologico quantistico, di un test mediante apparecchiature bioelettroniche (EAV, Mora, Vega ecc.) o in base a una minima conoscenza della diagnostica dei chakra.

Puoi trovare i Chakra Sense in tutte le farmacie nazionali, previa richiesta, oppure online su bioregenera.com.

Chakra Sense 5 è così composto:
Mandorlo (Prunus amygdalus Batsch.) gemme, Centella (Centella asiatica L. Urb.) parti aeree, acqua, alcol, stabilizzante (glicerina).